visitatoren

sabato 26 gennaio 2008

Mascherina ti conosco!

E' quasi arrivato carnevale! Guardate la mascherina più bella!

Il mio nipotino Fabrizio
tchuess
Irene

Heil cari amici Terronen di Terronia tutta, intervengo brevemente per aggiungere la mia ultima creazione dedicata al pargoletto qua sopra. L'ispirazione mi è venuta dalle sorelle Pulentun, Giulia e Cristina... tra l'altro le uniche intervenute a commentare. Ci tengo a precisare che non è una composizione originale, ma solo una rielaborazione di un'altra di gran lunga più famosa. Ciancio alle bande, ora inizio:

Spaiderchid

Spaiderchid, Spaiderchid,
mi scagazzi il pannolin,
tu sbavacchi a più non poss
e poi mi sputazzi addoss,
tu quaaaaaaaaaaaaaaa
ti amo spaiderchid!

Heil Zazen!

giovedì 24 gennaio 2008

Serio e Faceto


Cari Terronen, ho scelto questo titolo giacché in questo nuovo e da voi tanto bramato post disserterò di argomenti seri e di altri più frivoli. Non posso esimermi dal fare ciò in quanto proprio poche ore fa è caduto il governo Prodi al senato. Essendo questo un avvenimento oltremodo frivolo e scontato, ho ritenuto opportuno inserirlo qui per alleggerire un altro tema molto più serio: i nostri bagordi qui in Tedeschia.
Ieri difatti, dopo il lavoro, mi son recato assieme ai colleghi in un locale molto carino, lo Studentenkeller, pieno di giuovini di genere maschile, femminile ed indefinito. Il tema della serata era la musica anni '90 e devo dire che molte canzoni erano veramente carine (tranne quando hanno fatto partire i backstreet boys); ogni giorno (o meglio ogni notte) in questo locale è caratterizzato da un tema diverso, tipo anni '80, vecchie canzoni dagli anni '50 agli '80... ma soprattutto la "serata trash" fatta di canzoni completamente idiote che tutti disprezzano, ma tutti sanno perché sono composte da motivetti così elementari ed orecchiabili che ti entrano in testa in men che non si dica (a meno che non ti chiami Elio Frulio!).
Non so come, non so perché, ma questo posto attira una quantità esorbitante di donne superiori nordiche... per cui, se qualcuno di voi giovani terronen bramosi di biondone ( molte delle quali hanno tutte le potenzialità per essere vero amore... Jani già mi ha capito...) volesse venire a trovarci, sappiamo dove portarlo a pascolare. Certo, qualche lato non positivo c'è... ad esempio questa notte sono ben felice di non essermi recato lì in quanto è in atto la serata a sfondo (e qui c'è un doppio senso) omosessualo... e non è affatto mia intenzione prestarmi a questo tipo di sfondo. Comunque non abbiate paura, serate di questo tipo sono annunciate, quindi non si rischia di trovarcisi per caso in mezzo.
Questo fine settimana mi aspetta poi un addio al celibato stile tedesco: partenza prevista per sabato pomeriggio alle 15:30.... arrivo non previsto. Il modo tedesco di festeggiare questa occasione è leggermente differente da quello terrone: di solito il condann... ehm, il futuro sposo, gira per il centro della città vestito in modo ridicolo e chiedendo un contributo ai passanti, in cambio di uno spettacolino imbastito lì sul momento ed architettato dagli amici, anch'essi vestiti in modo possibilmente ridicolo, il cui compito è però quello di impartire ordini al futuro sposo e di consumare la riserva di alcol da lui portata per attirarli. Questo è quello che più o meno mi hanno detto e che ho dedotto, ma domenica vi spiegherò meglio, mal di testa permettendo, in cosa consiste questo addio al celibato, possibilmente con annesso servizio fotografico.

Bene, interrompiamo questa parte piuttosto seria e tediosa e passiamo ad un argomento più frivolo: è caduto il governo Brodo! La domanda da porsi non è "perché è caduto", ma "come cazzo ha fatto a rimanere in piedi sino ad ora?!"
Le risposte a queste domande ci sono già nel post apposito del blog di Jani. Ora si organizzeranno nuove elezioni ed ogni italiano sarà chiamato a compiere il proprio dovere di cittadino per scegliere la coalizione che dovrà guidare il paese nei prossimi 5 anni.... sto cazzo che uso giorni di ferie per venire a votare in quel di Terronia ( michia, scusate la divagazione, ma ho appena visto il mulo fischiarmi a 230 kb/sec... ed è sempre un piacere quando succede).
Anche io prima mi dicevo che il dovere di ogni cittadino è quello di andare a votare, che altrimenti poi uno non ha il diritto di lamentarsi se le cose vanno male perché non votando ha innegabilmente favorito il vincitore delle elezioni... questo discorso non regge più oramai, visto che è stato appurato quanto siano farabutti ed incapaci in entrambi gli schieramenti. Come è scontato vincerà Berlusconi, ma spero tanto che la porcata elettorale architettata dalla sua coalizione gli si ritorca contro (purtroppo, visto il margine che avrà, ho paura che la mia sia una vana speranza). Ma se porca paletta avessi saputo prima che che avrebbero messo Mastella alla Giustizia... col cacchio che lo avrebbero avuto il mio voto. L'ultima affermazione di questo essere poi è fantastica: "Io l'ho candidato - racconta Mastella - che aveva il 416 bis, dietro di me al Senato in Campania perche' l'Ulivo non lo voleva. E' stato eletto con i voti dei campani tant'e' che lui mi aveva detto che al di la' della politica ci sarebbe sempre stata la gratitudine umana della persona. Ma non parliamo piu di lui - prosegue - perche' non parliamo certo di un eroe..."
Ma questo qua si vanta pure di aver candidato uno indagato per concorso esterno in associazione mafiosa! Solo per questo in un paese normale sarei andato a votare a destra... ma in Terronia, con Berlusconi che fa l'elogio di Mangano, mi tocca astenermi dall'esercitare questo mio diritto.
Ora attenderò che nella scena politica italiana emerga qualche persona seria, che dimostri di essere capace e che faccia pulizia all'interno della propria coalizione, indipendentemente dal fatto che sia di destra o di sinistra... va bhe, ho capito che probabilmente non voterò più alle politiche nazionali.

Heil Zazen!

mercoledì 16 gennaio 2008

Il gin lemon si si si!

Hallo Leute!
Eccoci reduci da una serata "erasmus".
Ieri un nostro amico e collega di lab. di Daniele ha discusso la tesi di dottorato. Si parla di un geniaccio che sta piu ore in laboratorio che a casa sua. Questo extraterrestre si chiama Stephan.
Qui il dottorato è molto festeggiato. Diciamo come da noi la laurea. Si prepara una serata speciale al festeggiato con il racconto della sua vita e vari giochi, uno piu divertente dell'altro. Ovviamente quello che abbiamo preparato noi era il migliore!ehehe!
Daniele ha preparato la "Laudatio" insieme alla nostra collega Kristin e con l'insostituibile aiuto della sottoscritta.
Il nostro gioco chiamato, "gioco italiano", era composto da piccoli sketch che abbiamo girato approffittando di una festa a casa di Bianca e quindi dell'alto consumo di alcol!



Qui stiamo bevendo la vodka con la polverina che vi piace tanto... noi esseri superiori non facciamo una piega... al contrario di alcuni terronen! Heil Zazen

video

I tedeschi sono stati i nostri superattori. C è chi ha fatto il ruolo del ricchione e chi ha parlato italiano! Non avevano capito cosa volessimo fare e quando si sono visti il loro faccione proiettato sul muro...hanno realizzato. Troppo tardi!ihihihihi


Daniele è stato un insuperabile presentatore e credetemi sta volta non sono di parte. Insomma il gioco è stato un successone.
Siamo restati in istituto fino alle 11, 30 bevendo e scherzando dalle 6. Quindi ci siamo diretti verso una stalla dove scatenarci. E si, qualcuno si è proprio dimenato in preda ai fumi dell'alcol e qualcun altro invece ha avuto un effetto opposto posseduto dal demone della lussuria ( mamma mia movimenti stragay! ma come caxxx balli?!).

Che spettacolo ragazzi! Inutile ribellarsi al Gin lemon che ti arrivava ogni 10 min da un collega diverso. Non c'era scampo. Ovviamente noi non ci siamo tirati indietro. Sia mai! Ci siamo divertiti come matti. I miei piedi sono distrutti, uno fatto furi dal festeggiato 70Kg e uno da Hans Martin 90 kg (almen0). Alla bagassa sua! A fine serata infatti non è mancata la pogata infatti. E menomale che mi ero allontanata, che culo!
Per concludere, dopo tutti quei Gin lemon, è arrivata la tedesca con la vodka alla menta che ci ha crepato tutti.
Sono le 4:40 e finalmente ci cacciano. Barcollando qua e la io Daniele e Thomas abbiamo percorso la lunghissima strada del ritorno in lunghissimi 20 min.
La mattina seguente ci siamo alzati intorno alle 12. e come ci siamo alzati! Come si dice ad Alghero, proprio non volevo vista. Per il mio group leader ero in biblioteca a studiare cosi come tutti gli altri tranne uno. Chi è? é il festeggiato che è andato a lavorare alle 7 di mattina. Ecco perchè extraterrestre. Ma non è finita qui, il giorno dopo sempre lui è uscito ancora, ha dormito 3 ore ed ecco che è tornato a lavorare.
Lascio la parola a Zazen.
Tschuess
Irenen

mercoledì 9 gennaio 2008

Gli esseri superiori nordici sono tornati!


Eccoci dinuovo qui in Tedeschia!

Adesso abbiamo una connessione internet potente! Su progressu! Finalmente, lo dico in poche parole e senza mezzi termini, non dobbiamo più stare a culo in aria cercando una rete disponibile.


Irenen


Heil terroni di Terronia tutta, ciò che Irenen afferma è vero, ora abitiamo case veramente superiori nordiche, perciò non ho più scuse per gli scarsi aggiornamenti in quanto sto scrivendo comodamente seduto e con il mulo che mi fischia mediamente a 140 kb/sec con punte anche di 250. Se non ricordo male l'ultimo post l'ho scritto giusto un po' prima delle vacanze, ossia un mese e fruscia fa. Da allora ne è passata di acqua sotto i ponti tra vari viaggetti nei dintorni di Rostock alla visita di mercatini di natale; festa d'istituto a Berlino con inclusa nottata negli zilleri della capitale tedesca guidati da un imbecille sputacchioso autoctono che probabilmente ci ha fatto visitare i posti peggiori; completamento del trasloco nel nuovo appartamento superiore nordico; ritorno in Terronia insulare costellato di mangiate e bevute abbondanti, oltre che dall'influenza che giammai potrebbe mancare durante le vacanze natalizie; infine vi è stato il ritorno in tedeschia con la faticosa ripresa del lavoro.
Da ora in avanti spero di essere più presente per dare gioia e sollazzo alle grige giornate di voi poveri terroni.
Heil Zazen!

domenica 2 dicembre 2007

Atmosfere natalizie

Bene cari terronen, il periodo di festeggiamenti in Germania per il compleanno di Irene è finito, da oggi iniziano i preparativi per una festa in tono minore, il Natale. I teteschi pare che tengano molto alla festa del Sol Invictus ed in tutta Germania sono spuntati simpatici mercatini di Natale ripieni di Gluewein e Wurst di mezzo metro. Oggi abbiamo pure scoperto che nella nostra regione di MAckleburg Vorpommern i mercatini rimangono aperti anche di domenica e pure alcuni negozi (fatto del tutto eccezionale in Germania) per cui ne abbiamo approfittato per una passeggiata. E' la prima volta che vedo gente passeggiare in centro a Rostock la domenica, di solito è una landa desolata, ma tant'è. Ieri siamo stati a visitare il mercatino di Amburgo ed abbiamo scattato qualche foto, ma ora non ho voglia di scaricarle (è già tanto se sto aggiornando il blog). Siccome poi sono sempre nella posizione prona alquanto scomoda dettata dalla necessità di beccare il giusto segnale per la connessione chiudo qua, ma nei prossimi giorni proverò a comporre una poesia che si confaccia allo spirito natalizio.
Heil Zazen!

lunedì 29 ottobre 2007

Gioite popolo di Terronia, oggi compie gli anni Irene!


Cari esseri leggermente inferiori di Terronia del sud, del nord ed insulare, oggi é giorno di grande gaudio e tripudio per tutti voi, ma soprattutto per noi esseri superiori nordici. Ci accingiamo difatti a festeggiare il xyxyxyyyxesimo compleanno di Irene, sempre giuovine, bella e raggiante. Oggi, essendo giornata lavorativa, i festeggiamenti saranno un po' in sordina e si limiteranno ad un pensierino da parte mia con in aggiunta una cena il cui piatto forte sará la pasta con una bottarga di pregevole fattura.

Dacché sono al lavoro non posso essere prolisso quanto vorrei e rimanderó altresí la stesura di una eventuale poesia, ma non appena il tempo non sará sí tiranno daró sfogo alla mia vena artistica per deliziarvi con una qualche sublime composizione.

Dalla Tedeschia vi mandiamo un saluto superiore, ma affettuoso.

Heil Zazen!

domenica 23 settembre 2007

El matrimun

Ad una settimana dal lieto evento è giunto il momento di pubblicare qualche foto e di raccontare della cerimonia che ha avuto per protagonisti i cuginen della Terronia del nord, Giulia und Matteo, i quali sono convolati a giuste (per Matteo, ma non per Giulia) nozze.
Dopo una commovente cerimonia nella chiesa di Merate siamo stati condotti in un caratteristico ristorante tipico della Terrnoia del nord, da cui si godeva di un suggestivo panorama sul fiume Adda. Il pranzo è stato caratterizzato da qualità e quantità di portate alternativamente sarde e padane; anche il menu era in tre lingue (anzi due lingue, sardo e italiano, e un dialetto, il lombardo).
In quel festoso giorno ho avuto la conferma (ma le prove empiriche erano già, sin dalla nostra infanzia, schiaccianti) che la peculiarità tempo fa (il 15 giugno 2007 per la precisione) da me evidenziata con la mia prima composizione poetica al cuginen dedicata, non era solo un esternarsi di mie soggettive considerazioni, bensì era l'espressione artistica di ciò che chiunque conosca il Fiustellen sa: Egli ha il dono del tuono chimico! Gli amici infatti hanno confezionato delle simpatiche magliette sulle quali erano impresse le caricature di ognuno di loro con tanto di nome indiano: quella di Giulia portava scritto sopra "Naso imponente" (seppur a mio parere quello di Matteo lo sia di più, ma dovevano pur attaccarsi a qualcosa per attribuire un giocoso nome indiano a quella gentile e sprovveduta, vista la scelta, pulzella); a Matteo invece, udite udite, hanno affibbiato il nome di "Pancia che tuona".
Gli amici della banda hanno suonato quasi ininterrottamente per ore ed ore (ed io mi sogno ancora quello che suonava la tuba, il cui suono mi perseguiterà per tutta la vita) ed a più riprese intonavano l'Ein Prosit!
Ora i novelli sposi se la stanno spassando negli USA... bisogna ammettere che si stanno facendo un viaggio di nozze con i fiocchi, per non dire controcazzi (ma è il termine che meglio lo definisce).
Heil Zazen!

P.A. Come al solito non riesco ad allegare le foto, ma vi renderò visibile il link all'album qui a fianco. Tschuss